sabato 9 gennaio 2016

Per M.

"Non voglio essere una ragazza rompiscatole.
Non voglio essere un peso.
Non voglio che tu un giorno guardi indietro e pensi “ho rinunciato a fare quello che volevo a causa sua”.
Quello che mi piacerebbe essere è una motivazione.
Tu per me sei una motivazione.
Non voglio sbatterti in faccia quello che ho fatto o che faccio per cercare di farti sentire inferiore o sbagliato, è l’ultima cosa che voglio… Ma voglio dirti che anche le cose difficili e che richiedono impegno sono più facili se uno ha una motivazione e a volte il “star bene per se stessi” non basta.
So che a te possono sembrare cose da nulla, scontate, e forse neanche te ne rendi conto.
Ma io fino a qualche mese fa non riuscivo ad uscire la sera.
Non riuscivo a stare fuori casa più di 2-3 ore e solo per dovere.
Sparivo per settimane nei periodi di esami.
Non riuscivo a fare l’amore e non volevo farlo.
Pensavo costantemente a come fare per dimagrire, anche quando stavamo insieme la mia mente era sempre altrove.
Sono ingrassata di più di 6 chili e tu non hai la minima idea di quanto sia difficile per me questo.
Non hai idea di cosa significa cercare di non restringere l’alimentazione anche se il peso continua ad aumentare e se per sbaglio salgo sulla bilancia piango per un’ora, ma cerco di convincermi che è giusto così.
Non hai idea di cosa significhi avere di nuovo voglia di fare l’amore, ma dover lottare con il pensiero che il mio corpo fa schifo e tu non lo devi guardare o toccare perché proveresti solo disgusto.
Non hai idea di cosa significa avere di nuovo voglia di uscire, ma guardarsi allo specchio e vedersi enorme e deforme e cercare solo di coprirsi sperando che gli altri non vedano quanto sei ingrassata.
E cerco di concentrarmi nello studio, il mio unico punto fermo, e non ci riesco e gli esami si avvicinano e non me ne frega un cazzo e mi sento sempre peggio.
Non è facile, Massimo, è un inferno.
Però mi sto facendo forza e intanto lo faccio, mi metto alla prova ogni giorno e sperimento il più possibile quello che la vita può darmi, cercando di non guardarmi allo specchio e di tenere insieme tutti i pezzi della mia vita.
Perché lo faccio?
Ti vorrei dire che lo faccio solo per me, perché amo me stessa e voglio cambiare la mia vita solo per me stessa.
E nello stesso modo vorrei dire a te che devi cercare di risolvere i tuoi problemi solo ed esclusivamente per te stesso, per essere felice tu.
Ma questo è difficilissimo e a volte si ha bisogno di qualcuno per cui ne vale la pena.
E per me quella persona sei tu, perché anche se nella vita tutto può cambiare, ora come ora la mia vita la voglio passare insieme a te.
E non posso pensare ad una vita insieme in cui io non riesco a fare l’amore, non ho la forza di uscire di casa o rinuncio a qualsiasi cosa per paura di cosa dovrò mangiare.
Voglio partire con te, andare in posti lontani, mangiare insieme, dormire insieme, fare l’amore, essere uno la casa dell’altro.
Ecco perché sto lavorando su me stessa, ecco quello che voglio.
Però non può essere una cosa a senso unico.
Cosa faccio a fare tutto questo se poi tu mi dici che la tua vita è solo il lavoro, tra l’altro non un lavoro che fai perché ti piace, ma che hai accettato perché questo ti è capitato?
Come faccio a vincere i miei mostri interiori quando tu rinunci anche ad affrontarli?
Come faccio a vedere un futuro pieno di cose da fare insieme se tu ti metti da solo dei paletti, dicendo che tu non vuoi avere niente a che fare con cultura, attività fisica o qualsiasi altra cosa nuova?
Come faccio ad immaginare una vita insieme se tu rifiuti anche solo il pensiero di cambiare città in futuro?
Come faccio a fidarmi di te se poi tu da un giorno all’altro puoi venirmi a dire che ti sei giocato lo stipendio perché è una cosa che non puoi controllare?
Non voglio cambiarti, ma vorrei essere quella per cui vale la pena tirare fuori il meglio di te, con l’unico obiettivo di essere felici insieme.
E se non lo sono, meriti di trovare quella persona."

Non ci sentiamo da ieri sera, quando l'ho lasciato lì e sono tornata a casa.
Gli ho scritto un messaggio  chiedendogli di portarmi al mare, non so per quale motivo ma sento che è l'unico posto dove possiamo parlare.
Gli farò leggere questa lettera perché altrimenti piangerei soltanto e non riuscirei ad esprimere i miei pensieri con un filo logico.
Poi si vedrà.
So già che dirà che ha capito e che cambierà perché mi ama.
Meno male che oggi c'è vento, così spazzerà via le parole ed i castelli di sabbia e mi aiuterà a capire se ci sono anche i fatti o è l'ennesima illusione.





10 commenti:

  1. So già che dirà che ha capito e che cambierà perché mi ama.

    Saprai credergli?

    RispondiElimina
  2. Purtroppo non è la prima volta che lo faccio

    RispondiElimina
  3. Gly, forse dovreste cambiare insieme. O riprendervi laddove vi siete persi.
    Siete cresciuti rispetto alla prima scintilla fra voi due

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio obiettivo è proprio quello: cambiare insieme :)
      Credo che l'amore sia un qualcosa di dinamico, in continua costruzione, e quello che gli chiedo è di aiutarmi a costruirlo.
      Siamo cresciuti, ma per me è una cosa solo positiva, lo amo molto più adesso che all'inizio per fortuna.
      Un abbraccio
      Gly

      Elimina
  4. Quanto tempo, Gly! Ti dico in bocca al lupo con questa lettera... In ogni caso, da sola o accompagnata, sei una ragazza forte che troverà la sua serenità a furia di lottare così fieramente. Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le tue parole, le sento molto sincere e davvero le apprezzo.
      Un abbraccio
      Gly

      Elimina
  5. Mi ha colpito molto una parte della lettera, quella in cui dici che dovresti farlo per te, e invece lo fai per lui. Mi ha colpita perché anche io, ogni volta che mi sono imposta di guarire, di star meglio, ho sempre pensato che lo stavo facendo per i miei genitori, per il mio fidanzato, per la mia amica L., mai per me. Ed è vero, forse la vera svolta sarebbe pensare che se stiamo meglio lo facciamo per noi, ma ho sempre pensato che piuttosto che continuare a stare male, è meglio aggrapparsi al pensiero di farlo per qualcun altro.
    E capisco perfettamente tutto quello che ti auguri per il futuro, non dover fare l'amore per forza al buio perché lui non veda il tuo corpo troppo grasso e trattenere il respiro quando ti sfiora la pancia, non dover passare ore a decidere se uscire o no, paralizzata dal dubbio, non dover pensare soltanto al peso, mentre intorno a te succedono tante cose belle. Ti capisco, penso le stesse cose, costantemente, e mi auguro che tu possa davvero stare meglio, per lui e con lui, ma soprattutto per te.
    Non è facile far capire alla persona che amiamo il vortice confuso di pensieri che ci portiamo dentro, ma la tua lettera secondo me è davvero bella e fai bene a fargliela leggere. Ti auguro che la brezza marina possa portare via anche un po' di pensieri cupi dal tuo cuore, un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che secondo me per quanto uno possa arrivare ad amare se stessa non esiste il "farlo per sé" puro e semplice.
      Insomma, se io vivessi da sola su un'isola deserta per tutta la vita penso che la mia mente sarebbe completamente diversa... Insomma, sarei un animale, vivrei per sopravvivere.
      Penso che alla fine ogni cambiamento su di sé che uno decide di fare è sempre in qualche modo in funzione dell'altro.
      Ma non in senso negativo, per il semplice fatto che essendo animali sociali abbiamo bisogno di star bene con gli altri.
      Insomma è un pensiero contorto, ma per dire che non trovo una totale sconfitta dire che si cambia anche (non "solo") per qualcun altro :)
      Per il resto mi conforta ed allo stesso tempo mi addolora il fatto che tu possa capire così bene i miei pensieri e le mie sensazioni e rivolgo a te lo stesso augurio, perché credo davvero che meriti di star bene, come lo meritiamo tutte.
      Un abbraccio forte forte
      Gly
      ps: io sono la donna delle lettere! anche le mie amiche lo sanno, se devo dire qualcosa si devono aspettare una lettera (e mi offendo da morire se mi fanno un regalo senza bigliettino, ci tengo troppo)

      Elimina
  6. Ciao Gly mi ero persa il tuo ritorno...!
    Ti mando un abbraccio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara!! Mi stavo chiedendo dove fossi finita, pensavo fossi sparita anche tu!

      Elimina